Digitalizzazione: l’Italia recupera, ma ancora in fondo alla classifica UE

2019-06-14T10:46:30+01:00Attualità, Novità, Tecnologia|
  • digitalizzazione-europa-italia-economia

Europa

Secondo gli ultimi dati europei, l’Italia migliora nella digitalizzazione, ma i risultati non sono ancora sufficienti. Pur avendo scalato la posizione nella classifica UE rispetto agli anni scorsi, il nostro paese riesce a raggiungere solo il 24° posto; questi sono i dati riportati da ansa.it. La Commissione UE nel rapporto annuale evidenzia i progressi nazionali soprattutto riguardo la distribuzione della banda larga. C’è ancora da lavorare però sulla digitalizzazione dei servizi pubblici, e sull’interazione online tra le autorità pubbliche e i cittadini (e-government), ferma al 37% contro il 64% UE.

Gli ostacoli alla crescita

Il principale problema a cui deve far fronte l’Italia nel  processo di digitalizzazione è la carenza delle digital skills fra i cittadini. La mancanza di informazione e di competenze digitali risulta essere il problema maggiore per il nostro paese, facendo slittare l’Italia in terz’ultima posizione nella classifica UE. Questa carenza ha conseguenze negative su tutti gli aspetti digitali del paese. Basti pensare che solo il 44% dei cittadini tra i 16 e i 74 anni possiede digital skills di base rispetto alla media UE del 57%°; gli specialisti delle nuove tecnologie, invece, raggiungono appena il 2,6%.

Progressi sì, ma c’è ancora da migliorare

Nella connettività l’Italia risulta 19esima in Europa, scalando ben sette posizioni nell’indice; facendo ben sperare per gli anni a venire. Anche l’utilizzo di servizi cloud risulta in aumento rispetto agli anni precedenti. I servizi e-commerce sono ancora poco sfruttati alle imprese italiane: solo il 10% vende online (rispetto alla media UE del 17%); a livello comunitario le soluzioni e-commerce vengono utilizzate come mezzo per implementare i ricavi aziendali proponendo i propri servizi/prodotti ad un pubblico più vasto ed eterogeneo.

Si è registrato un buon aumento degli utenti che effettuano acquisti online, che utilizzano servizi bancari online, e che fanno uso dei social network. I dati emersi dalle statistiche UE risultano quindi molto positivi per l’Italia, lasciando comunque delle speranze positive per il futuro, dove sarà possibile un’ampio margine di miglioramento per il nostro paese.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookies Policy